di EMANUELE ZANELLA

 

 

Dal cielo l’acqua parte

è come giocare a carte,

poi cade nel mare

dove noi andiamo a giocare.

L’acqua scorre bruscamente

nei lavandini delle nostre case,

da lì scende giù

e non finirà più.