di CAMILLA PITTON 

 

Molto tempo fa, si credeva che la neve sarebbe esistita per sempre, invece no. Oggi la neve sembra scomparsa e si scoglie per il caldo Così un giorno Jack che stava guardando fuori dalla finestra, la neve gli parlò : “ Jack , tu ci
devi aiutare siamo in grave pericolo la regina delle nevi è morta !“. Jack pensava fosse uno
scherzo così si allontanò dalla finestra. Alla notte sentì di nuovo gridare quella frase , così piano piano si vestì ed uscì nella neve. Lì vide una luce azzurra , si avvicinò ma entrò in un portale fatato. Appena vi entrò si sbalordì lì la neve non mancava, il piccolo paese era immerso nella neve, come i biscotti immersi nel latte . In quel piccolo paese, c’erano piccolissime casette fatte di legno e foglie secche, tutte ricoperte di neve, al centro del paese c’ era un castello fatto di ghiaccio , nella punta di
quel castello c’era la luce azzurra che Jack aveva visto prima di entrare . Jack essendo un gigante per quel paese , fece allarmare la città , facendo uscire anche una fata grassottella con un vestito bianco, fatto di fiocchi di neve e con i capelli gonfi come un nuvola . Lei urlò a Jack di sedersi, se voleva rimpiccolirsi, la strana fata fece un incantesimo e Jack si rimpicciolì moltissimo, diventando come loro. La fata si mise a parlare : “ Caro Jack, ti chiederai perchè noi abbiamo bisogno del tuo aiuto, tu forse non lo sai ma tu sei il figlio della fata-regina di ghiaccio che ieri è morta, mentre combatteva contro lo Stregone del fuoco, e ci serve il tuo aiuto per sconfiggerlo. Comunque il mio nome è Florinda e io sono la tua fata madrina “. Jack era stupefatto di quelle parole e chiese a Florinda : “Scusa ma sono esterrefatto , ma allora chi è la mia famiglia ?Dove mi trovo? E qual’è il mio vero nome ? Quando sono nato ? Perchè mi avete lasciato crescere in un altro posto?” Florinda guardò
l’orologio e disse : “Ora non è tempo di chiacchere. Bisogna andare a dormire, domani mattina andremo in città e risponderò a tutti i tuoi dubbi “ Jack chiese : “Ma dove dormirò?”Florinda rispose prontamente : “ A casa mia “. I due allora si incamminarono e si misero a dormire in due mollicche di pane fresco.
La mattina seguente si svegliarono e si misero a fare colazione con: rugiada fresca , polline di tarassaco e pappa reale. A Jack la colazione apparve molto strana ma le piacque moltissimo. Dopo aver fatto colazione Florinda e Jack andarono in città. Florinda appena chiuse la porta di casa disse: “ A proposito delle domande che tu mi hai fatto ieri, tu ora ti
trovi nel villaggio di NEVIGLIA , il tuo vero nome è Grisman , sei nato il gennaio 121 a mezzanotte in punto. Tua madre ha dovuto lasciarti nelle mani di un umano perchè lo stregone del fuoco ti voleva rapire e tua madre non voleva, così ti ingrandimmo e ti portammo davanti alla porta della famiglia più dolce del mondo . Ora tu devi uccidere lo stregone del fuoco che vive nel deserto afoso, se non lo farai nel mondo degli umani non scenderà più neve .” Mentre parlavano entrarono in un negozio chiamato : “MAGIC WAND“ dove chiesero al negoziante : “ Avete un bacchetta reale ?”. Il negoziante rispose :”Si ne
abbiamo solo una, questa è l’ ultima rimasta . Sono 5 fiori di primula secca e 8 foglie d’acero “. Florinda diede i cinque fiori e le otto foglie e poi i due uscirono dal negozio .
Florinda disse: “Questa è la tua bacchetta che ti servirà per sconfiggere lo stregone del fuoco “. “Grazie mille , Florinda sei la miglior fata che si possa conoscere al mondo”disse l’ allegro Jack . Mentre camminavano Jack chiese a Florinda :”Ma come si usa questa bacchetta ?” . Florinda rispose: “ è facilissimo usarla a te non serviranno lezioni perchè appartieni a una famiglia reale “. Durante la visita in città Florinda comprò moltissime cose a Jack come : otto vestiti , dieci cappelli , un sacco di polvere magica , tre mantelli , due paia di scarpe e otto guanti . Alla fine della visita andarono a visitare l’ enorme castello di
ghiaccio , il castello era deserto ,non volava una mosca . Lì Florinda li fece vedere a Jack tutti i quadri e li spiegò la storia della piccola città che era in vita da prima del giurassico . Quando ritornarono a casa, si addormentarono subito, davanti al camino ma a mezzanotte qualcosa gli svegliò ,era lo stregone del fuoco che era venuto a rapire Jack .
Jack allora prese la bacchetta magica ma lo stregone lo colpì con un potere fortissimo e Jack svenì in un sonno così profondo, che non si svegliò mai più . Infatti è per questo che la neve scende poco e si scoglie perchè ora quel piccolo villaggio è controllato dallo stregone del fuoco, che vuole scogliere tutta la neve .
Quindi se qualcuno mentre gioca con la neve sente la neve parlare è obbligato ad ascoltarla perchè quel piccolo paese a bisogno di qualcuno al più presto ,se volete che la neve riscenda come un volta . Per questo potresti essere proprio tu . Forza li serve aiuto !